Amaretti sardi-contest

Amaretti sardi-contest

 

Che meraviglia avere ormai delle amiche food blogger così fedeli! Welda ci ha mandato un ricetta davvero stupenda per il nostro Concorso delle feste 😀

Il suo blog Cioccolato & liquirizia, è ricco di ricette interessanti come questa, mi raccomando visitatelo 😀

Fateci sapere cosa pensate del piatto sulla nostra –> Prelibata Pagina facebook

Welda descrive così questa ricetta :

“Questa è una di quelle ricette che al loro interno hanno una storia.

Quelle ricette che evocano sensazioni, colori, suoni, emozioni…..

Non è una ricetta di famiglia né della mia infanzia, ma fa comunque parte di noi, di me, del mio passato e del mio futuro.

Ed è dal sogno, dalla fiaba che foglio iniziare a narrare….”

1450108325308.jpg

INGREDIENTI:

500 grammi mandorle dolci spelate

50 grammi mandorle amare spelate

250 grammi zucchero grezzo di canna

50 grammi di zucchero grezzo di canna per la “glassatura”

1 Limone bio per la scorza grattugiata

3-4 albumi

qb Liquore al mirto

qb mandorle intere

1450108463934.jpg

Per prima cosa tritare le mandorle dolci con quelle amare e lo zucchero. Deve risultare non tropo fine (non farina) ma neanche troppo granuloso.

Unire la scorza grattugiata del limone.

Montare 3 albumi a neve ferma.

Unite gli albumi alle mandorle e zucchero, mescolando con una spatola. Il composto deve essere abbastanza sodo da poter fare delle palline con le mani ma non troppo: da quanto sono morbidi dovete fare quasi fatica a fare la pallina.

Se così non fosse montate anche il quarto albume ed aggiungetelo poco alla volta finché non avrete ottenuto la consistenza desiderata.

Ora accendete il forno a 160 gradi statico.

Versate i 50 grammi di zucchero di canna in una ciotolina.

Prima di iniziare a fare le sfere bagnatevi le mani con il liquore mirto. Questo servirà sia per non far attaccare il composto alle mani, sia per profumare ulteriormente i dolcetti.

Prendete una parte di composto, fate la pallina e intingete la sommità nello zucchero, adagiandola poi sulla placca rivestita di carta forno. Lo zucchero deve rimanere sulla parte alta.

Gli amaretti sardi sono abbastanza grandi, quindi regolatevi con il composto.

Ogni volta ricordatevi di bagnarvi le mani nel mirto.

Una volta terminato di dare la forma, prendete la placca dove sono adagiati, sollevatela circa venti centimetri dal tavolo e lasciatela cadere.

Questo darà la forma più appiattita agli amaretti.

Potete decidere di lasciarli così o guarnirli con delle mandorle intere.

Infornate e lasciate per 15/20 minuti, finché gli amaretti non sono belli dorati in superficie.

Saranno ancora molto morbidi, una volta raffreddati induriranno leggermente.

Vi assicuro che il profumo inconfondibile di dolce-amaro invaderà la vostra casa, e i vostri cuori.

1450107930683.jpg

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: