Focaccia con frittelle di pomodoro

Focaccia con frittelle di pomodoro

Quando vengo in vacanza nella casa estiva di Prelibata, vorrei  fare tutte quelle cose che mi piacciono tanto e  avere anche il tempo per riuscire a scoprirne sempre di nuove, ma alla fine le attività alle quali mi dedico maggiormente sono  la lettura e il mare che per me equivalgono a riposo e relax. Non ci facciamo mai mancare  però qualche bella e buona cenetta in compagnia di nuovi e vecchi amici. Il giorno di Ferragosto sono riusciti a stupirli con questa ricetta di focaccia farcita; è stata un’impresa riuscire a fare le foto, dietro di me c’era la fila alla focaccia!!! 😉 Provatela e raccontatemi che cosa ne pensate 😉 Ingredienti per4 persone  Per la focaccia  30 gr di lievito di birra 2 dl di acqua tiepida 500 gr di farina tipo 1 2 cucchiai di olio un pizzico di sale Preparazione Sciogliete il lievito di birra nei 2 dl di acqua tiepida. Raccogliete la farina in una spianatoia e formate una fontana, al centro versateci il lievito e due cucchiai di olio, iniziate ad impastare  ed aggiungete un pizzico di sale grosso pestato. Impastate bene e formate una palla liscia che avrete sbattuto più volte sulla spianatoia per facilitarne la lievitazione. Mettetela a riposare in una terrina unta d’olio,  fate un’incisione a croce e copritela. Fatela lievitare in un luogo tiepido e  lontano da correnti d’aria, finché raddoppierà il volume. Riprendete la pasta, lavoratela ancora per qualche minuto e appiattitela leggermente. Trasferitela in una teglia dai bordi bassi unta di olio e stendetela con le mani, dovrà avere uno spessore di 1 cm. Cospargetela con il sale grosso...
Crostata di tagliolini

Crostata di tagliolini

Crostata di tagliolini o pasta al forno? Chiamiamola  Crostata di pasta alla Prelibata, la risultante  di almeno tre ricette di tradizione locale e famigliare. A casa mia, al nord,  questa crostata, viene chiamata “Pasta al forno”,  veniva fatta il giorno dopo aver fatto le fettucine ai piselli,  era un piatto molto amato di  cucina di recupero. A casa di Maurizio, la zia siciliana la preparava appositamente, unendo la tradizione napoletana con la tradizione siciliana. Oggi questa crostata di tagliolini è a modo nostro 😉 Rimane comunque  molto apprezzata  ed è un piatto che prepariamo spesso il lunedì di Pasqua per il pic-nic con  gli amici,  è infatti  un primo che si adatta bene ad essere mangiato anche freddo.     INGREDIENTI ingredienti per 8 persone 500 gr di fetuccine, noi abbiamo usato paglia e fieno al basilico di Pasta e.. 4 salsicce magre piselli cotti precedentemente con un pò di pancetta 250 gr di provola fresca 50 gr di parmigiano pane grattuggiato q.b per foderare la tortiera e per fare la crosticina sopra la crostata besciamella fatta con il brodo vegetale al posto del latte PREPARAZIONE Preparare precedentemente i piselli Mettere l’acqua su fuoco per la pasta. Preparare la besciamella con 50 gr di burro, 100 gr di farina e 800 gr di brodo vegetale Tagliare la provola a fettine un pò stracciate Aprire le salsicce e metterle sul fuoco tutte sbriciolate e farle cuocere senza ggiungere nulla Buttare la pasta aggiungendo il sale e un cucchiaio di olio Scolarla a metà cottura. Versarvi dentro i piselli, le salsicce, un pò di besciamella , un pò di parmigiano. Mettere uno...
Vellutata di Porri con sandwich croccanti

Vellutata di Porri con sandwich croccanti

Ormai ci siamo, l’aria più tiepida, le giornate si allungano, le prime temerarie margherite, il paesaggio riprende colore e vita, un po’ di luce in più e sappiamo che sta arrivando l’agognata bella stagione, ma diciamoci la verità, questo adorato cambio di stagione ha anche le sue belle gatte da pelare (e non lo dico solo perché sono vicentina!! ;)) ! Luna imbronciata e umore ballerino, ho pensato che se li coccolassi con un po’ di shopping a questo punto vivrei letteralmente nelle mie scarpe XD, meglio virare verso un colorato… menù!  Saporito e leggero… Esigente ?  😉   INGREDIENTI per 4 persone poco affamate! 170 gr di Porro compreso la parte verde 150 gr di sedano 1 rotolo di pasta sfoglia 40 gr di salame Calabrese piccante  40 gr di formaggio Caprino olio extra vergine di oliva sale e pepe ESECUZIONE Ritagliate 12 dischi dalla sfoglia, mettete 1 fettina di salame sopra un disco copritela con un altro disco e poi ripetete l’operazione con un’altra fettina di salame e un altro disco ancora, in modo da formare una sorta di sandwich a 3 piani.     Mettete  i 4 sandwich a cui avrete schiacciato i bordi, in forno a 170° per circa 20 minuti. Nel frattempo lavate bene il porro ed il sedano. In una pentola mettete il sedano sminuzzato per bene in 20 gr di olio e fatelo ammorbidire per 3 minuti. Aggiungete il porro tagliato a rondelle e continuate a far appassire per bene le verdure. Aggiungete circa 150 gr di acqua, salate e pepate e fate cuocere il tutto per circa 10 minuti. A fine cottura...
Cornish Pasty a modo mio

Cornish Pasty a modo mio

Il Cornish Pasty è il piatto nazionale della Cornovaglia, tutelato dal marchio IGP. Questo Cornetto ripieno di carne, patate e cipolle, ma anche di altre verdure,  viene considerato il pasto dei minatori perchè,  alla fine dell’800, molti lavoratori della Cornovaglia, per la maggior parte minatori, emigrarono all’estero, esportando gli usi e costumi del loro paese tra i quali anche il Cornish Pasty. In realtà di questa pietanza si trova traccia già nei documenti reali risalenti al XIII secolo. Ricorda vagamente il Meatpie Inglese, ma essendo a  forma di  “panzerotto” lo rende adatto anche ad un pranzo al sacco,   visto che il Cornish è gradevole anche freddo, soprattutto se ricco di verdure. La prima volta che l’ho cucinato ho seguito alla lettera la ricetta tradizionale, poi ho apportato le mie modifiche aggiungendo la ricchezza dei sapori Italiani 😉 INGREDIENTI per 6 persone Tempi di preparazione circa 50 minuti + 20 minuti di cottura 350 gr di carne di manzo macinata 300 gr di farina  km5  250 gr di patate 150 gr di burro 150 gr di cipolle di Tropea 50 gr di parmigiano 1 uovo brodo vegetale-prezzemolo-timo-salvia-sale-pepe ESECUZIONE  Impastate nel mixer la farina con il burro freddo  fino a sabbiarlo grossolanamente, aggiungete 70 gr di acqua fredda con un pizzico di sale, poca alla volta, e lavorate finchè l’impasto non sarà liscio e omogeneo. Avvolgete il panetto nella pellicola e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno mezz’ora. Pelate le patate e dategli un scottata di bollitura, affettatele sottilmente e mettetele in un recipiente insieme alle cipolle anch’esse affettate sottilmente, alla  carne macinata , il prezzemolo, il timo, la salvia, e...
“Panà” con stravecchio e porcini #ricettedirecupero

“Panà” con stravecchio e porcini #ricettedirecupero

  La panà è una ricetta di recupero, per la quale viene utilizzato il pane vecchio, che in tutte le case capita sempre di accumulare. Buttare il pane è peccato dicevano le mie nonne… infatti la” panà” è proprio la ricetta delle nonne. La panà è un piatto  antico, si usava in  quel periodo storico nel quale  le donne erano le più grandi economiste del paese, quando  far quadrare i conti e crescere famiglie numerose andava oltre l’economia, ma era quasi una magia! Da un articolo letto recentemente, ho appreso che solo a Milano si buttano 400 tonellate di pane al giorno, spero si siano sbagliati, comunque è innegabile che è sempre  più  necessario riprendere il giusto valore delle cose, perchè, anche se le famiglie non sono più numerose, la magia serve anche nei tempi odierni. Sistemando la dispensa, ho visto che avevo abbondanza di pane vecchio e mi sono data subito al #recupero. Dopo aver riempito un bel vaso con chiusura ermetica di pane  grattuggiato per le panature, averne messo da parte un pò per la torta casalinga, la “putana gentile”, e un pò per  farne polpette e polpettoni, vista la giornata fredda, anzi freddissima,  mi sono tenuta l’ultimo pezzo per fare questa zuppa dei tempi andati che i miei famigliari non conoscevano e che io stessa avevo mangiato solo una volta prima di riscoprirla, aggiungendoci qualche variazione sul tema. INGREDIENTI per 4 persone 150gr pane raffermo a pezzetti 1 l di brodo 200 gr di funghi porcini ( vanno bene anche gli champignon) olio E.V.O q.b, avevndo utilizzato gli champignon ho utilizzato l’olio della penisola sorrentina aromatizzato con...
Torta salata di “mammaCera” ai carciofi

Torta salata di “mammaCera” ai carciofi

La mia passione per la cucina inizia fin da quando ero piccola, ricordo che a nove anni ho salvato della pasta frolla che mia madre stava per buttare perchè non le riusciva! E’ ovvio che quando una passione cresce insieme a te,  nel corso degli anni sei portata a raccogliere ricette e consigli da ogni persona che ispiri e alimenti questa tua passione. A volte mi ritrovo  a sfogliare vecchi quaderni dove raccoglievo e mi appuntavo ricette dettate dalle nonne o dalle mamme delle mie amiche, dalle quali avevo assaggiato qualche manicaretto particolarmente gustoso. Questa è  la storia proprio di una di queste ricette, che mi ero appuntata nel mio quaderno con la copertina di tela e che avevo chiamato ” Torta salata Mamma Cera”, così infatti si chiamava la mamma di una compagna di scout. Una ricetta che mi porto dietro da almeno 35 anni e che ha fatto mangiare i carciofi anche a chi non li ama!!! La cosa simpatica è, che questa torta salata, che mi ha catturata quando  avevo meno di 15 anni, ha da sempre appassionato anche mia figlia che, appena vede iniziare la  stagione dei carciofi, inizia a chiedermela !) Vediamo se appassionerà anche voi?  INGREDIENTI 200 gr di Farina 00 300 gr di ricotta fresca 100 gr di burro 6 carciofi 2 uova 2 cucchiai di olio parmigiano q.b, prezzemolo, limone, sale e pepe RIPIENO Impastate la farina, il burro, 100 gr di ricotta e il sale e formate una palla che metterete a riposare al fresco coperta dalla pellicola. Questa operazione è possibile farla anche con un mixer. Pulite i carciofi,...