Tonno al sesamo con chips di cipolle al curry

Tonno al sesamo con chips di cipolle al curry

E’ bello il venerdì chiudere la settimana cenando con gli amici, un momento di socialità che ci rilassa e ci allunga il week end. Spesso però ci si ritrova ad ordinare la pizza a domicilio perchè si arriva alla sera stanche e  senza avere  avuto il tempo di preparare granchè. 🙁  Questo piatto  è un buon compromesso, il tempo di preparazione  è minimo, ma il risultato è di grande livello. 😉 Gli ingredienti possono essere già in casa, i tranci di tonno si possono acquistare surgelati e ve lo consiglio visto che il tonno si può pescare solo in alcune zone e in periodi limitatissimi,   il resto degli ingredienti è di uso pressochè quotidiano quindi facilmente presenti in casa. Vi consiglio di accompagnare  il piatto con un buon prosecco  o a una buona birra artigianale,  il dolce ? …. bè il dolce  lo fate portare  agli amici 😉  Ingredienti 1 cipolla, bianca dolce. 4 tranci di tonno fresco da 130 gr ciascuno ca qb sesamo qb sale e pepe qb curry qb farina qb olio e.v.o Preparazione Passate i tranci di tonno nei semi di sesamo , fino  farli aderire bene alla superficie e salate leggermente ambo i lati. Unite il curry  alla farina e miscelateli bene assieme, la quantità di curry dipende da quanto vi piace 😉 Affettate la cipolla a fette intere, in modo che risultini gli anelli interi di circa 2 millimetri di spessore,  passatela nel composto di farina e curry. Mettete l’olio  in un padella e portatelo a temperatura per friggere. Friggete gli anelli infarinati, una volta fritti, metteteli da parte a raffreddare su della...
Merluzzo alla vicentina, piatto della tradizione

Merluzzo alla vicentina, piatto della tradizione

“Vicentina magnagati”, questo è quello che mi viene detto subito dopo avermi chiesto qual è la mia città natale. Io rispondo solitamente con un sorriso, un po’ stupita che questo antico detto abbia superato di gran lunga i confini regionali.  A volte mi dilungo spiegando l’origine di questi detti veneti, oppure rispondo ironicamente: “ si ma la coda la lasciamo agli altri 😉 “ Ovviamente scherzo, visto che mi fa rabbrividire solo l’idea che la mia povera micia e tutti i suoi amichetti possano fare questa brutta fine in una pentola!  : ( Altra domanda che mi viene sempre fatta è, qual’è il piatto tipico della mia città, aspettandosi chiaramente che io risponda…”Micia in salmì” Invece stupisco tutti dicendo… Baccalà alla Vicentina! Il baccalà alias lo stoccafisso,  cioè il merluzzo conservato sotto sale. Un piatto molto prelibato e riconosciuto, tanto da essere tutelato da una Confraternita. Un piatto – vanto della tradizione culinaria veneta – che difficilmente viene fatto a casa, non per la difficoltà, ma per i tempi di preparazione che sono lunghissimi! Per mangiare il baccalà alla vicentina si va nei ristoranti, oppure nelle gastronomie specializzate. La mia nonna almeno una volta all’anno (con molto vanto!)  preparava il Baccalà alla vicentina secondo la ricetta tradizionale, infestando la casa e il vicinato con l’odore del pesce; però devo ammettere che veder sobbollire i pezzi di stoccafisso – prima tenuti a bagno per molte ore in latte e olio – nella teglia di terracotta che veniva usata solo per il baccalà, preannunciava sempre una grande festa  😉 E’ per tutto ciò che con grande contentezza,  ho creato la mia versione della ricetta dello chef...
Polpettone di pane, zucchine & co.

Polpettone di pane, zucchine & co.

A volte si rinuncia a qualcosa per il dispiacere di avanzarne. La soluzione non è rinunciare, ma trasformare, riutilizzare, inventarsi qualcosa di nuovo e di diverso. Le nostre nonne e mamme erano specializzate nel trasformare le cose per darle una nuova vita. Dai cappotti girati dalla parte della stoffa meno consumata, ai colletti delle camicie. Per le generazioni che hanno vissuto il periodo della guerra o che sono arrivate subito dopo, il riutilizzo era una parola d’ordine. Noi che siamo nati nel momento del boom economico invece abbiamo vissuto lo spreco, oggi però i tempi sono cambiati e  a volte si rinuncia per non sprecare, più spesso  perché  si è meno abituati a ri-creare. Succede spesso con il pane, si rinuncia ad esso perché potrebbe avanzare. Ho recuperato questa bellissima ricetta che avevo messo da parte per quando le zucchine fossero state verdure di stagione. Un po’ di pane avanzato, un po’ di buona mozzarella di bufala avanzata oppure altro formaggio  filante, come l’asiago o la provola, e le zucchine, ma ben si potrebbe fare anche con i peperoni o le melanzane, delle foglioline di menta o di basilico ed il buon piatto è fatto 😉  Ci vuole poco vero? INGREDIENTI 300 gr di pane vecchio, secco. 250 gr di zucchine 30 gr di grana grattuggiato 1 uovo un pizzico di sale pepe qualche fogliolina di menta olio evo qb 150 gr di mozzarella  o Asiago dolce o Provoletta dolce  pan grattato PROCEDIMENTO Lasciate ammorbidire il pane in acqua fredda. Mettete in un mixer e tritate bene la zucchina, fatela stufare per 5 minuti in una padella antiaderente con un...
Braciolettine alla messinese  variante al pistacchio

Braciolettine alla messinese variante al pistacchio

Ricetta meravigliosa siciliana, che c’è stata inviata dal  nostro amico Valerio di Messina con il quale ci piace condividere i sapori, le tradizioni locali e le conoscenze dei prodotti siciliani. Parlavamo di pistacchi di Bronte   e ci ha consigliato la ricetta di queste “Braciolettine Messinesi” nella sua variante al pistacchio, una ricetta di sua  madre Lella che, dopo averle mangiate in un ristorante cinquant’anni fa, se ne innamorò talmente da riproporle spesso in famiglia nel pranzo della domenica. La signora Lella ci ha consigliato di accompagnarle con un buon Nerello Mascalese e noi quindi, ligi ai suoi insegnamenti, ci siamo bevuti il  Biologico delle Tenute Piazza, scelto da Prelibata. INGREDIENTI 600 gr taglio scamone o noce, in fette non spesse  che poi verranno battute 300 gr di pane grattato sottile 70 gr di parmigiano grattugiato (facoltativo) 70 gr di pecorino grattugiato o pecorino ragusano  1 mazzetto di prezzemolo fresco sale q.b pepe nero macinato q.b ( facoltativo) olio evo q.b 150 gr di formaggio a pasta filata (facoltativo) Pistacchio: due cucchiai di pesto ai Pistacchi e Pistacchi tritati a granella per l’esterno UTENSILI NECESSARI Batticarne Spiedini di legno o di metallo PREPARAZIONE  Battete bene ogni fetta di carne con il batticarne, fino ad ottenere fettine molto sottili  ma compatte, della dimensione di un palmo e dalla forma approssimativamente rettangolare. In una terrina mescolate il pane grattato, il parmigiano, il pecorino, il prezzemolo tritato, il sale e il pesto di pistacchi, aggiungete poi l’olio fino ad ottenere un composto umido, lavorabile con le mani e compattatelo in mucchietti senza farli sbriciolare. Disponete su ogni fettina di carne un pò di...
Carciofi ripieni con piselli

Carciofi ripieni con piselli

Doveva essere uno spezzatino di manzo con piselli e invece è un carciofo ripieno con piselli 😉 Non ce l’ho fatta, è più forte di me, non riesco ad abbinare proteine animali e proteine vegetali, la trovo un’esagerazione e come tutte le esagerazioni .. dannosa. E così, piselli siano, visto che iniziano a trovarsi freschi  nei banchi del mercato, ma accompagnati dai carciofi  ripieni, per dare l’idea di una pietanza accompagnata dal contorno, un piatto leggero, gustoso e diciamolo, sufficientemente quaresimale!   INGREDIENTI 4 carciofi 400 gr di piselli 50 gr di pancetta q.b.  per sale, pepe, olio evo, cipolla, 1 limone vino bianco e brodo vegetale PER IL RIPIENO 2 uova pane grattuggiato , parmigiano grattuggiato, prezzemolo,  sale e pepe sempre q.b PROCEDIMENTO Pulite i carciofi, privateli del gambo, delle prime foglie più scure e della parte centrale se presenta la barbetta, allargate poi le foglie centrali creando un incavo. Mettete i carciofi in acqua fredda acidulata con del succo di limone, in modo che non si scuriscano. Intanto preparate il ripieno, battete le uova, salate e pepate, aggiungete il pan grattato il parmigiano ed il prezzemolo  fino ad ottenere un impasto, nè liquido ne pastoso, diciamo cremoso. In un  tegame preparate un soffritto con olio e cipolla tritata finemente, aggiungete la pancetta e fatela rosolare ed infine  aggiungete i piselli. Riempite i carciofi con il ripieno e poneteli nel tegame assieme ai piselli, sfumateli con del vino bianco e poi aggiungete un mezzo bicchiere di brodo vegetale caldo. Fateli andare a fuoco basso e scoperti, il piatto sarà pronto quando i carciofi saranno cotti. Verificate la cottura...
Filetto di carne al semilatte

Filetto di carne al semilatte

Questa ricetta è una mia elaborazione della ricetta del filetto al latte, chiamata semilatte perchè ne uso meno della metà necessaria, questo per rendere la ricetta il più leggera possibile. INGREDIENTI 800/1 kg di carne,  potete scegliere tra filetto di manzo, ossocollo se è maiale, oppure spalla 1/2 litro di latte 50 gr di burro ( anche meno) 1 porro 2 cipolle q.b. sale, olio e.v.o, brodo vegetale q.b. rosmarino, salvia, alloro PROCEDIMENTO Infarinate la carne e, a mano a mano che  effettuate  l’infarinatura, massaggiate il pezzo di carne. In un tegame, rosolatela in ogni parte con poco olio. Nel frattempo, affettate le cipolle e il porro, mettete il tutto in una casseruola con un pò di burro e di olio e adagiatevi sopra la carne  rosolata. Aggiungete il latte e del brodo vegetale fino a coprire la carne. Cuocete a fuoco lento per 1 ora e mezza circa. Tirate fuori la carne e frullate il sugo rimasto fino ad ottenere una salsa vellutata. Servite la carne calda  ricoperta della salsa. Veramente prelibata! Questo piatto si abbina ad un buon vino rosso  servito tra i 14 ° e i 19° gradi , come il Vignasilian dei Vignaioli di contrà Soarda … ma questa è una storia che vi ho già raccontato!    ...