L’importanza della stagionalità : la spesa da fare in autunno

L’importanza della stagionalità : la spesa da fare in autunno

Dare importanza alla stagionalità è uno dei principi base della Filosofia di Prelibata, in quanto siamo convinti da sempre che è molto importante scegliere con cura gli ingredienti da portare sulle nostre tavole, eccone alcuni motivi: Il gusto dei prodotti mangiati nella loro stagione è autentico e più saporito I prodotti stagionali non hanno bisogno di macchinazioni per crescere, lo fanno naturalmente. Mangiare prodotti di stagione significa apportare i giusti nutrimenti di cui abbiamo bisogno mese per mese. I prodotti di stagione sono più economici, in quanto non hanno bisogno di conservanti e il loro costo si riduce. I prodotti di stagione sono ecologici perché permettono di consumare prodotti locali e quindi di ridurre i trasporti. Quali sono i prodotti stagionali dell’autunno, offerti dalla terra? Vediamo quelli più importanti per la nostra salute. A Settembre troviamo: Lamponi: Nutrienti, un concentrato di vitamine anti-cancerogene e anti-invecchiamento, poco calorici (30 calorie ogni 100 gr), succosi, dal sapore delicato e versatile.Da noi potete trovare Confettura Extra di lamponi e lo Sciroppo di lamponi di Ca’ dei Baghi 🙂 Pere: Ricche di potassio, fibre e vitamine, poco caloriche (40 calorie per 100 gr), deliziose e impiegabili in mille modi originali!Nel nostro shop sono disponibili la Confettura di pera, altre varianti piccanti, pere e noci, pere e albicocche di Sapori dell’Antica Terra, il Succo di pera, la Mostardina di pere piccante e le confetture pere e zenzero e pere e cioccolato di Ca’ dei Baghi! Uva: Un buon grappolo è un buon rimedio contro l’insonnia (grazie a vitamina B6), utile alla circolazione e  al benessere generale. Fichi D’india: Utili per fare il pieno di calcio, fosforo e vitamina C! Modulatori intestinali, il tutto con solo 55 calorie, per 100 gr.Noi possiamo offrirvi...
Melone, il re dell’estate

Melone, il re dell’estate

Polpa succosa di un arancione acceso, profumo delicato, sapore rinfrescante, molteplici virtù: tutto questo è il melone! E’ uno dei simboli dell’estate, il protagonista di uno degli antipasti più famosi, ” prosciutto crudo e melone“, utilizzato anche come dopo pasto rinfrescante 🙂 ( Anche se i medici lo sconsigliano) Il Melone proviene dall’Africa (anche se recenti ricerche smentiscono, dicendo che arriva dalla nostra Sardegna), ha origini molto antiche, infatti  le sue prime notizie risalgono agli antichi egizi :O Quello che noi oggi consideriamo come un frutto, veniva utilizzato come verdura, soprattutto in insalata (perché non copiare anche oggi questa ricetta?) Il seme del melone si pianta in marzo e necessita di un clima caldo temperato, la raccolta si effettua tra maggio e settembre; il fusto della pianta si sviluppa in orizzontale ed è quindi simile alla pianta della zucca!  100 gr di melone = 33 calorie Il melone vanta molti benefici, oltre alle sue proprietà rinfrescanti e diuretiche, eccone i principali: la Vitamina A, dalle proprietà antiossidanti, che aiuta a contrastare i radicali liberi la Vitamina B che conferisce proprietà anti-depressive la Vitamina C che rinforza il sistema immunitario il Betacarotene  che stimola la produzione di melanina (per migliorare la tintarella in spiaggia!) Il Fosforo e il Calcio toccasana per le ossa Il Potassio che mantiene la pressione arteriosa ai giusti valori Le Fibre necessarie per il lavoro dell’intestino  Il melone si può conservare per 4 giorni e non bisogna tenerlo troppo vicino agli altri alimenti, in quanto ha un profumo “contagiante” 😉 Esiste anche una varietà di melone invernale, dalla polpa giallo chiara. Siete anche voi pazzi per il melone?...
La Melanzana, l’amara che ti conquista!

La Melanzana, l’amara che ti conquista!

La Melanzana ci porta con la mente verso terre esotiche e  sapori del sud.. Un ortaggio violaceo, dal colore tutto suo, tanto da dare il nome a quella sua tipica sfumatura di viola-bordò, con una polpa chiara, spugnosa, amara e un po’ piccante, che  diventa gustosa e corposa una volta cotta. La melanzana caratterizza vari piatti tipici di tutte le nostre regioni, diventando l’incontrastata protagonista del mese di Agosto. 😀 La melanzana è una pianta che ha almeno 4000 anni e le cui origini hanno luogo in India. Le piantine di  melanzana devono essere seminate con la stabilizzazione delle temperature calde, in quanto la pianta non cresce sotto i 12°, la raccolta invece viene effettuata tra giugno e settembre, anche se la condizione ottimale  questo ortaggio la raggiunge da  agosto a fine settembre. E’ un ortaggio che va consumato cotto, in quanto crudo contiene la solanina, una sostanza tossica per il nostro organismo :O Per eliminare l’amaro della melanzana basta metterla sotto sale grosso per qualche ora, una volta spugnata, sarà pronta per deliziare i vostri piatti!  100 gr di melanzana = 18 calorie (ideale per le diete dimagranti!) La melanzana ha la caratteristica di assorbire i grassi, quindi bisogna fare molta attenzione quando la si condisce per non eccedere 🙂 Eccone i benefici: contiene moltissima Acqua, per facilitare il lavoro dei reni non contiene Glutine, quindi è ottima per i celiaci  è ricca di Potassio, per aiutare la circolazione  è un’amica di Fegato e Pancreas, in quanto la buccia contiene sostanze che stimolano la produzione e l’eliminazione della bile ha una giusta quantità di Fibre, per stabilizzare l’attività...
Gli antichi vigneti di Podere Volpaio

Gli antichi vigneti di Podere Volpaio

  Il nostro Paese è sicuramente tra i più belli del mondo per il grande patrimonio artistico, culturale, naturalistico ed enogastronomico di cui  tutta la penisola è ricca. La Toscana è di sicuro una delle regioni simbolo di questo patrimonio tutto italiano. Una regione dalle diverse sfumature di colore verde che ammantano le  colline tra le quali fanno capolino borghi e antichi campanili, che hanno saputo mantenere tutta la loro toscanità 😉 Ricca di arte e di cultura, famosa per la sua buona cucina casalinga e  per  i suoi prodotti della terra e per gli eccellenti vini ed olio, aspettava solo il momento giusto per essere inserita tra le eccellenze di Prelibata. Ed il momento giusto è arrivato, quando abbiamo assaporato i vini del  Podere Volpaio e conosciuto la storia di questa favolosa azienda vinicola nel cuore di Vinci,  magnifica terra che ha dato i natali al geniale Leonardo 😀 Quando si arriva al Podere  Volpaio si apre uno scenario meraviglioso: una campagna collinare dalla quale spuntano piccole pievi, illuminate da un cielo  più azzurro e più immenso e da una luce veramente unica 🙂   La storia del Podere inizia tanti, tanti anni fa, le prime notizie certificate sono del 1890, quando il bisnonno Emilio iniziò a lavorare nei campi come agricoltore, allevatore di vitelli e produttore di vini e olio. Emilio Prosperi passò poi il testimone a suo figlio Umberto che iniziò a vendere ed acquistare vari poderi nel territorio della Valdelsa fino ad arrivare al figlio Fiorino che, negli anni ’60, decise di stabilirsi nel podere denominato Volpaio, abbagliato dalla bellezza dei suoi fabbricati risalenti al ‘500. Ora il Podere...
Un bouquet di Fiori di zucca

Un bouquet di Fiori di zucca

I fiori di zucchina (o zucca) sono talmente belli da poter quasi essere utilizzati per un bouquet da sposa! 🙂 Si distinguono per i colori brillanti e vivaci – dall’arancione ambrato, al verde erba passando per il giallo pastello – e per il sapore discreto per i palati più raffinati. I fiori  sono molto utilizzati nelle nostre ricette tradizionali, per la versatilità e l’abbinabilità ad altri ingredienti. I fiori di zucca ( o zucchina) sono vegetali erbacei a ciclo annuale, che hanno la capacità di strisciare e arrampicarsi disseminando quindi i frutti, le zucchine,  anche ad alcuni metri di distanza dal punto di origine. Lo stesso organismo produce fiori maschili sterili e femminili fertili,  solo da questi ultimi, matura la zucchina. I fiori sono alimenti tradizionali della nostra penisola e vengono consumati come se fossero degli ortaggi o delle verdure. Essendo di origine tropicale, la zucchina va coltivata in condizioni atmosferiche temperati-caldi, la temperatura diventa ottimale  tra i 15-18°C notturni e i 24-30°C diurni. Richiede inoltre un alto tasso di irrigazione e necessita di un terreno molto fertile. Il fiore di zucca possiede tre grandi peculiarità: Gusto delicato Poche calorie (51 per ogni 100gr) Alta digeribilità La leggerezza gli viene conferita dal fatto che sono costituiti per il 95% da acqua e questa qualità regala ai fiori proprietà diuretiche e rinfrescanti. Contengono vitamina A, C, B1, B2, B3, B9, ferro, calcio magnesio, fosforo e potassio. Un consiglio: cucinateli il giorno stesso della raccolta o al massimo il giorno dopo, sono molto delicati e tendono a rovinarsi facilmente! Al momento dell’acquisto i petali devono avere un bel colore brillante e non devono...
L’orgoglio di Casa Guarnieri

L’orgoglio di Casa Guarnieri

La famiglia Guarnieri mi apre le porte della sua casa e mi racconta la storia di tre generazioni di allevatori, iniziata con nonno Agide in Emilia Romagna… In mezzo al verde della Pianura Padana, sorge quest’azienda che ha l’aspetto di una vecchia fattoria e che costeggia la cinta muraria di Carmignano del Brenta e la caratterizza come un paesaggio tipico del mio Veneto. Una passione per i salumi che si tramanda fino ai giorni nostri, unita anche al grande rispetto per l’ecosistema:  all’interno dell’allevamento noto subito una serie di ambienti spaziosi e confortevoli che sono ideali per la crescita sana e naturale dei suini, garantendo condizioni di vita ottimali ad ogni singolo animale. In collaborazione costante  con i ricercatori dell’Università di Padova per la sperimentazione di nuove tecniche volte a ridurre l’uso dell’acqua e per permettere il riutilizzo virtuoso delle deiezioni animali nel ciclo agricolo, è stato messo a punto nell’allevamento un impianto all’avanguardia di fitodepurazione delle acque. Fitodepurazione, lo dice già la parola stessa, significa depurare con i vegetali. I processi di depurazione naturale delle acque vengono realizzati nell’impianto da un insieme di reazioni chimico-fisiche e biologiche, svolte dai microrganismi e dalla vegetazione che avvengono con continuità durante tutto l’anno, anche nel periodo invernale, in quanto le piante, sebbene in riposo vegetativo, mantengono in atto i processi di scambio con i microrganismi ad opera dell’apparato radicale. Le deiezioni animali, dopo aver provveduto al recupero di parte del liquido da destinare alla fitodepurazione, vengono inviate in vasche sotterranee ermetiche in cui avviene la fermentazione naturale che produce gas metano (biogas). Tale combustibile viene poi utilizzata per produrre  energia elettrica attraverso un impianto di cogenerazione....