Chiffeletti by Fra Puccino-contest

Chiffeletti by Fra Puccino-contest

Fra Puccino torna nella nostra Sfida mensile con una ricetta tipica della sua terra 😀

Ecco cosa ci racconta, dal suo bellissimo blog E’ scientificamente dimostrato :

“Per partecipare alla sfida propongo (e ho cucinato, vd. foto) un dolce tipicamente istriano e triestino, i chiffeletti, che per tradizione la mia bisnonna Giacomina preparava invariabilmente per la domenica di Carnevale (quando dalle mie parti c’è la sfilata dei carri) abbinandoli, come da tradizione, agli gnocchi.

Oggi non so, ma benché ormai vivo nel prospero veneto porto con me il ricordo e il piacere dei Chiffeletti, che spero trasmetterò anche alle mie figlie.  Non sono un amante di tradizioni e radici geografiche, ma questa è una delle poche cose della mia terra natìa che custodisco nel mio cuore.”

Votatelo e dateci un’opinione sulla nostra Pagina di facebook!

Ingredienti(per 4 persone, quantità variabile a seconda dell’appetito)

500/750 gr. di patate

300/450 gr. di Farina

1 uovo

sale

acqua

zucchero

olio per friggere

Procedimento

Lessare le patate, meglio con la buccia, e poi lasciatele a intiepidire (passaggio fondamentale)

una volta che le patate si sono intiepidite, passatele attraverso quello strumento arcaico chiamato “schiacciapatate”, da cui le patate escono a sfilacci

Mescolate il tutto con la farina, poi creare una specie di vulcano e farci cadere dentro il rosso dell’uovo. Continuare a mescolare, fino a creare un impasto, lo stesso impasto che serve per  fare gli gnocchi di patate; già, perchè fino ad adesso eravate ad un bivio, potevate fare gli gnocchi oppure passare ai chiffeletti, anche se a Trieste la regola è di fare i chiffeletti come dolce da mangiare dopo gli gnocchi.  Per restare leggeri, insomma 😉

una volta ottenuto l’impasto, selezionare la parte da destinare a chiffeletto, e quindi fare tanti filoni di impasto che poi taglierete in sezioni di dieci centimetri, da modellare a forma di cornetto; attenzione, altre forme non sono concesse a pena di perdere la qualifica di “chiffeletto”

mettete dell’olio (di semi oppure d’oliva) in una padellona, fatelo friggere, e quindi immergete i cornetti, voltandoli almeno una volta; quando saranno ben fritti, e il colore sarà passato da giallo chiaro a marroncino, i chifeletti saranno pronti

una volta cotti, metteteli su un piattino e poi conditeli spargendoci sopra lo zucchero.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: