Crostata mandorle e prugne

Crostata mandorle e prugne

Nella settimana della cucina di montagna oggi è la giornata nazionale della Prugna nel calendario del cibo Italiano 

dell’Associazione Italiana Food Blogger 

http://www.aifb.it/calendario-del-cibo/giornata-nazionale-della-prugna/

13181046_10206273929993608_1159895290_n

Scopo principale dell’AIFB, associazione senza scopo di lucro, è creare crescita e formazione per tutti coloro che amano il cibo e ne promuovono la cultura attraverso un blog.

I principali obiettivi dell’Associazione risiedono dunque nella volontà di far crescere la consapevolezza del ruolo dei food blogger nella sfera della comunicazione agroalimentare,

attraverso la conoscenza, la valorizzazione, la promozione e la protezione del nostro prezioso patrimonio culturale:

Il cibo artigianale Italiano

Ambasciatrice della giornata della Prugna è  Camilla Assandri,

siete curiosi di sapere che cosa avrà scoperto per noi nel suo blog La cascata dei sapori ?

Io ho scoperto che, paese che vai prugna che trovi 😉

Se la chiamate prugna si intende quella  secca ed in commercio trovate prevalentemente le prugne californiane che  hanno tra le loro proprietà  quella di “smuovere” l’intestino 😉

Se invece le  volete fresche chiamatele Susine.

La prima a maturare è la Ramassin o Darmisin, cresce in Piemonte è piccolina e verde oro, dolce e succosa pronta già da metà luglio,

e poi via via ovunque voi siate, in Campania, Emilia Romagna, Marche, Lazio, Abruzzo, Piemonte e Trentino Alto Adige, potete gustare le altre varietà di susine chiamandole di volta in volta

 brombe, susine, armelline, brügne e …… fatemi sapere voi come le chiamate 😉

Non sceglieteli troppo acerbi perché, una volta raccolti, questi frutti maturano a fatica;)

e, quando sono troppo maturi, li utilizziamo per la marmellata …ma questa è un altra storia 😉

Inutile dirvi che fanno molto  bene al nostro organismo perché sono ricchi di vitamina A, potassio, magnesio, calcio e fosforo, questo significa che sono anti-age perché contengono antiossidanti, integratori salini  e sono contro la spossatezza.

In questa mia crostata con le mandorle, le susine  sono anche goderecce, antidepressive e di gran compagnia 😉 

 INGREDIENTI 

x una

crostata da 26 cm oppure x 6 crostatine

Frolla (la mia)

150 gr di zucchero

2-3 fettine di buccia gialla di limone naturale

260 gr di farina

150 gr di burro

1 pizzico di sale

1 stecca di vaniglia

2 tuorli

Crema alle mandorle 

2 uova

1 tuorlo

80 gr di burro

50 gr di zucchero di canna

1 cucchiaio di amido di mais

50 gr di mandorle tritate a farina

1 cucchiaio di cannella in polvere

1/2 cucchiaio di zenzero in polvere

8 prugne di media dimensione

PREPARAZIONE 

Io la frolla la preparo per comodità nel mixer ma il procedimento è lo stesso anche senza.

Frullate lo zucchero con le bucce di limone

Unite lo zucchero frullato alla farina, il burro freddo  a pezzi, il sale e la vaniglia e sabbiate bene il tutto.

Unite i 2 tuorli ed impastate velocemente, formate una mattonella ricopritela con la pellicola trasparente e riponetela per 30 minuti in frigorifero.

Nel frattempo fate sciogliere gli 80 gr di burro rimasti.

Tritate a farina le mandorle.

Sbattete le 2 uova  con lo zucchero di canna, la cannella e lo zenzero,

 unite il burro fuso, l’amido di mais e le mandorle rese a farina.

Amalgamate bene il tutto fino a che diventi una crema.

Stendete la pasta frolla con un matterello e rivestite la forma della crostata o delle crostatine fin sopra il bordo.

Bucherellatela con una forchetta, copritela con un foglio di carta da forno e riempitela con fagioli secchi.

Cuocete in forno caldo a 180 per 10 minuti.

Tiratela fuori dal forno eliminate i fagioli e la carta da forno,

aggiungete la crema alle mandorle e

distribuitevi sopra le prugne lavate, asciugate, divise a metà e tagliate a fettine sottili.

Proseguite la cottura per altri 25 minuti.

Servite la torta tiepida o fredda con una spolverizzata di zucchero a velo.

IMG_0871-001

4 Comments

  1. Le tue crostatine sono perfette e deliziose!
    Complimenti per la ricetta.
    Grazie per aver contribuito alla mia giornata.
    Ti aspetto da me per scoprire i tanti consigli su come coltivare e prendersi cura di un prugno.

    Reply
    • Grazie mille Camilla, è stato un vero piacere.. non solo partecipare ma anche gustare le crostatine 😉

      Reply
  2. golosissime le tue crostatine, e si mangiano prima con gli occhi! Grazie!

    Reply
    • Grazie Giuliana, si mangiano molto bene anche con la bocca 😉
      Grazie a te 😉

      Reply

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: