Granita al limone di Sorrento profumata alla menta

Oggi per il Calendario del Cibo Italiano AIFB, si festeggia la giornata nazionale della Granita 

 http://www.aifb.it/calendario-del-cibo/giornata-nazionale-della-granita/

13181046_10206273929993608_1159895290_n

In fondo che cos’è una granita se non semplicemente un po’ di acqua, zucchero e sciroppo congelati?

Questo si pensa prima di apprendere cosa sono le vere granite e invece si ha conoscenza solamente delle “granatine” 😉

Le granite sono una poesia..;) un insieme di ingredienti semplici che combinati tra loro diventano una fresca magia.

Sono come un’oasi nel deserto, quando vengono gustate dopo una giornata di mare e sole soprattutto al sud.

Sono una coccola, la dedizione di una mamma che ogni mezz’ora si applica a girare questo liquido che si deve addensare 😉

Sono un pieno di energia, quando in Sicilia la si  sorseggia al  caffè  con la panna e le brioches con il “tuppo”.

La granita al limone di Sorrento per me è un meraviglioso ricordo… l’anticamera di un viaggio di lavoro che si è trasformato nel viaggio della mia vita.

Il mio primo incontro con la granita di limoni di Sorrento è avvenuto 17 anni fa:

era la fine di maggio e dopo aver fatto la turista alla scoperta di Ravello e Positano mi sono sono ritrovata accaldata, appagata e stanca seduta ad un tavolino di una famosa

gelateria, in una Sorrento vuota e silenziosa.

Rimasi inebriata dal profumo delle cialde per i gelati che stavano  preparando,  per quando la gelateria si sarebbe riempita dal vociare dei turisti e degli avventori, bramosi di gelato e granite.

Ed è così che per la prima volta nella mia vita ho capito che cos’era veramente una Granita, che nulla aveva a che vedere con quel triste gelato da pochi soldini chiamato granatina 😉

La mia prima granita ai limoni di Sorrento l’ho gustata piano piano, assieme al cono ancora tiepido e mi sono sentita felice e fortunata 😉

Mi piacerebbe nel mio piccolo, riuscire a regalarvi un po’ di questa gioia con la mia granita ai limoni di Sorrento ed alla menta piperita.

La freschezza delle foglie di menta permane nello sciroppo di acqua e zucchero e aggiunge maggiore freschezza mitigando l’acidulo intenso dei limoni  esaltandone però il sapore.

Di  questo meraviglioso e profumato frutto, decantato anche nella Gerusalemme Liberata da Torquato Tasso, originario proprio di Sorrento, già  ve ne ho parlato e se ve lo siete persi potete trovarlo qui

IMG_0795-001

INGREDIENTI

6 limoni di Sorrento succosi, profumati meglio se appena raccolti dall’albero 😉

20 foglioline di menta fresca

150 gr di zucchero

500 ml di acqua

PREPARAZIONE

Portate ad ebollizione in una casseruola mezzo litro di acqua con le foglioline di menta e lo zucchero e fate bollire per  almeno 10 minuti. Fate quindi raffreddare completamente lo sciroppo ottenuto.

Spremete 4 limoni ed aggiungeteli al succo allo sciroppo raffreddato.

La tradizione direbbe di mettere lo sciroppo in una vaschetta nel freezer e di mescolare il liquido ogni mezz’ora. Questo perché nelle nostre case non esistevano potenti frullatori 😉

Il tempo del freezer dipende molto dalla potenza dello stesso, diciamo che mediamente ci vogliono 3 h.

Oggi con i robot che tritano finemente il ghiaccio possiamo adottare questa via.

Mettete lo sciroppo miscelato con il succo di limone nelle vaschette del ghiaccio o nei sacchettini porta ghiaccio e lasciateli in freezer per il tempo necessario.

Mettete in freezer anche l’ultimo limone rimasto, sbucciato a fette a vivo senza semi e senza pelle.

Quando vorrete servire la granita, tirate fuori dal freezer lo sciroppo e le fette di limone congelate, qualche minuto prima di frullarle.

Frullatele per bene e servite 😉

La tradizione della granita la vede abbinata alle famose brioche con il tuppo io ve le abbino invece con un cono di cialda artigianale, per ricordare il mio primo incontro con la granita di limoni di Sorrento 😉

Volete cimentarvi anche con la cialda?

Eccovi la ricetta, dovete  però procurarvi la piastra per farle.

In commercio le trovate  elettriche o classiche di alluminio da mettere sul fuoco…

ricordatevi di prendere il manichetto per arrotolare e formare i coni 😉

INGREDIENTI per 4 Coni o cialdini da gelato

140 gr di farina

3 dl di panna fresca da montare

1/2 dl di latte

140 di zucchero

1 uovo

1/2 bustina di lievito in polvere

semini di vaniglia

50 gr di burro

sale un pizzico

PREPARAZIONE

Setacciate in una ciotola la farina con il lievito, unite lo zucchero, il tuorlo e la vanillina, sempre mescolando con una frusta aggiungete il latte e la panna a filo e continuate a mescolare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo, da far riposare per 30 minuti a temperatura ambiente coperto con pellicola.

Trascorso il tempo di riposo indicato, incorporate al composto l’albume montato con un pizzico di sale.

Fate riscaldare l’apposito stampo per cialde sul fuoco e spennellatelo con il burro, fatto fondere a bagnomaria in un tegamino a parte.

Versate dentro lo stampo caldo un po’ di pastella, chiudetelo e fatelo cuocere per 2-3 minuti a fuoco moderato, rigirandolo a metà cottura. Aprite quindi lo stampo e staccate la cialdina che dovrà essere di colore dorato con una spatola o arrotolatela attorno all’apposito strumento per fare i coni.

Adagiateli sopra una griglia e fateli raffreddare.

Il mio amore per la granita è nato da un cono di cialda ancora tiepido e una meravigliosa granita appena fatta…provate anche voi e fatemi sapere se sboccia l’amore 😉

Share

Nessun Commento

    Lascia un commento

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: