Pizza Civitavecchiese, piatto tipico di Civitavecchia- contest

Pizza Civitavecchiese, piatto tipico di Civitavecchia- contest

Aggiungi un pasto a tavola gareggia anche questo mese nel nostro Concorso mensile con una ricetta tradizionale del suo paese e racconta così la ricetta :

“Vivendo a Civitavecchia non potevamo esimerci dal preparare la pizza simbolo della nostra città.
Non è la classica pizza, ma una pizza coperta.
Una particolarietà? Tanto peperoncino. Anche se poi, in base alle preferenze, uno può aggiustare le dosi.
Comunque se vi piace e lo potete mangiare, allora questa pizza è per voi.
E’ buonissima anche fredda, e perfetta da portare in spiaggia o per qualche picnic all’aria aperta.”

Se volete dare il vostro parere sulla ricetta vi aspettiamo anche sulla nostra Prelibata facebook 🙂

Trovate questa buonissima ricetta anche su questo blog —> Blog Aggiungi un pasto a tavola

INGREDIENTI PER 4-5 PERSONE

Calcoliamo 250 gr circa di farina 00

un 13 gr circa di lievito di birra fresco

sale un pizzico

2 cucchiaino di Olio

acqua per sciogliere il lievito

Passata di pomodoro 700 g.

Alici 100 g.

peperoncino q.b.

aglio q.b.

prezzemolo q.b.

olio e sale q.b.

Sciogliamo il lievito in mezzo bicchiere con acqua tiepida, versiamolo nella farina messa in una ciotola o a fontana sulla spianatoia e ci regoliamo poi di conseguenza calibrando acqua e farina per fa venire un impasto “impastabile”.
Quando lo abbiamo ottenuto maneggiabile aggiungiamo sale ed olio.
Impastiamo bene, deve risultare una pasta elastica.
Sbattiamola sul tavolo, impastiamo bene, deve inglobare aria mentre impastiamo.
Mettiamola in una ciotolona unta d’olio e copriamola con uno strofinaccio pulito…
Possiamo riporla nel forno solo con la luce accesa, coprirla con un panno di lana, metterla vicino ai termosifoni(d’inverno), metterla al sole (d’estate)
Insomma manteniamola al caldo, lieviterà meglio…
Lasciamola lievitare non meno di 2 ore…
Intanto prepariamo una salsa con il pomodoro, l’aglio e le alici sminuzzate, il peperoncino ed il prezzemolo tritato fino.
Poi reimpastiamo al volo.
A questo punto dividiamo la pasta in due pallette di cui una più grossa e più piccola.
Diciamo una deve essere 3/4 dell’impasto e l’altra 1/4.
Ora stendiamo la parte più grossa col mattarello e farciamola con la salsa appena preparata.
Poi ricopriamo il tutto con la pallina di pasta che avevamo lasciato da parte, avendo cura di chiudere bene i lati.
La parte sopra deve essere stesa molto fina, molto di più della parte sotto.
Prima di mettere in forno a 180 gradi per 15 minuti, spennelliamo la parte sopra della pizza con del’olio, e bucherelliamo con una forchetta.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: