Giardiniera gentile

Giardiniera gentile

Oggi per il Calendario del Cibo Italiano AIFB, si festeggia la giornata nazionale della giardiniera , ambasciatrice Alessandra Gabrielli , leggete qui il suo post.

http://www.aifb.it/calendario-del-cibo/giornata-nazionale-della-giardiniera/

13181046_10206273929993608_1159895290_n

Ho dei nitidi ricordi di quando da bambina in estate  andavo a trovare dei lontani parenti in campagna, rimanendo ospite da loro insieme a mia nonna.

In quel mondo, tutto sembrava avere un ritmo, una musica silenziosa che echeggiava all’interno di ognuno di loro e li faceva muovere in maniera sincronizzata.

Non suonavano strumenti, ma producevano in modo sincronizzato le provviste per l’inverno.

Il raccolto di ogni stagione veniva consumato e conservato e quindi anche  in estate non veniva comperato cibo, si mangiava ciò che si produceva e quello che rimaneva veniva conservato nei vasetti di vetro.

Veniva creata una sorta di catena di montaggio, noi bambini dovevamo lavare con attenzione, senza romperli, tutti i vasetti e riporli dentro una cesta foderata con un specie di tovaglia di lino e canapa, mentre alcune donne erano addette alla cura ed al lavaggio della verdura e della frutta, altre invece dovevano badare  alle pentole sul fuoco.

I maschi invece  si dedicavano alla raccolta vera e propria nei campi,  insomma diventavamo una piccola azienda familiare.

Ma quei vasetti, che portavamo a casa e che venivano aperti quando il freddo era già iniziato, mi hanno fatto capire il valore o meglio il sapore della verdura e  della frutta colta nella loro stagione.

Ora con Prelibata, rivivo quei momenti con le aziende agricole che vado a selezionare, ognuna di loro poi si attiene scrupolosamente alla  ricetta tipica del proprio territorio: chi ama la verdura con più olio, chi con più aceto e vino, e chi al naturale.

Sono state le trecce di cipolle rosse di Tropea a farmi venire la voglia di conservare in vasetto un po’ di verdura di stagione con la ricetta che utilizzava la nonna, provatela… la gentilezza non ha mai deluso nessuno 😉

INGREDIENTI

400gr di Cavolfiore

200 gr  cipolline

200 gr fagiolini

400 gr carote

100 gr gambi di sedano verde tagliato a rombi

 2 peperoni- 1 rosso e 1 giallo

2 foglie di alloro

500 ml aceto bianco

500 ml vino bianco, secco

200 ml olio di oliva Evo

100 gr di sale

100 gr di zucchero

pepe nero in grani

PREPARAZIONE

Pulite le verdure e tagliatele  in pezzi regolari, non troppo piccoli.

Intanto, in una casseruola unite aceto, vino, sale, zucchero, alloro e pepe nero.

Quando il liquido comincerà a bollire, per prima cosa fate cuocere le cipolline per 2-3 minuti;

raccoglietele con una schiumarola e stendetele in una teglia.

Aspettate che il liquido ricominci a bollire e precedete uno alla volta alla cottura di carote, sedano, cavolfiore, finocchi e fagiolini, usando sempre lo stesso procedimento, 2 minuti sul fuoco e poi scolate.

I peperoni in cottura devono essere gli ultimi, quando il liquido comincerà a bollire, spegnete il fuoco e lasciate i peperoni per meno di un minuto, quindi scolateli e uniteli alle altre verdure.

Riempite i vasi con le verdure, aggiungete l’olio extravergine e rabboccate con il liquido di cottura. Chiudete i vasi e capovolgeteli. Volendo possiamo sterilizzarli in bollitura, però andremo a perdere  la croccantezza delle verdure.

Questa giardiniera può essere fatta anche per una sola tipologia di verdura, raccogliendola in stagione e conservandola in vasetto.

Se invece fate la giardiniera mista, ricordatevi di partire sempre con le verdure chiare per passare a mano a mano a quelle più colorate.

polpettone di pane e giardiniera 010-001

polpettone di pane e giardiniera 006

giardiniera 001

Vestite i vostri vasetti, se riuscirete a resistere nel non aprirli subito, potete fare dei regali Prelibati a Natale 😉

PS: Nelle ricetta ho inserito tutte le verdure da classica giardiniera, potete utilizzare solo quelle in stagione .

4 Comments

  1. Il tuo racconto mi ha evocato tanti di quei ricordi… Io sono nata e cresciuta in campagna, sono diventata “cittadina” solo negli ultimi anni e non immagini quanto mi manchi quella musica silenziosa di cui parli… L’estate è il periodo più faticoso ma indubbiamente il più bello! Grazie per aver contribuito a questa giornata con la tua ricetta (da provare assolutamente!) e con i tuoi meravigliosi ricordi! A presto

    Reply
    • Grazie a te …comunque attenzione da usare moderatamente perchè crea dipendenza 😉

      Reply
  2. Che belli questi ricordi da bambina, anche io ricordo con nostalgia le giornate ad aiutare mia nonna per preparare la giardiniera e tanti altri sottaceti! 🙂
    La tua versione è assolutamente da provare…
    Daniela

    Reply
    • Grazie.. allora verrò a seguire anch’io i tuoi ricordi ..e i sottoaceti della tua nonna. 😉

      Reply

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: