Minestra Maretata di Prelibata

Minestra Maretata di Prelibata

#profumodinatale

Altro profumo di Natale, ricordi d’infanzia e di una zia siciliana, “emigrata” a Napoli per amore dei suoi nipoti e della sorella.

Gli amici napoletani raccontano che questa minestra non manca mai durante le festività, chi durante  il pranzo di Natale, chi per S.Stefano, la “cacciano fuori“, non sia mai che ai commensali rimanga un pò di fame!

La Tradizione vuole che venga preparata per i pranzi di Natale e Pasqua.

Personalmente la prima volta che l’ho vista, l’ho trovata un pò inquietante, verdure, carni, pezzi di un qualcosa  non ben identificata…

Dopo il primo cucchiaio, l’ho trovata squisita, la brutta ma buonissimissima minestra Maretata.

Ho capito che  ogni famiglia napoletana ha la propria ricetta, la minestra infatti è un insieme di carni e verdure , che dopo una propria cottura singola, vengono “maritate”, cioè si sposano insieme, questo lascia molto spazio all’interpretazione personale.

E’ un piatto antico, che non direi proprio povero, perchè potrebbe essere benissimo un piatto unico… e  capirete il perchè!

 

INGREDIENTI  per circa 6 persone, i pesi però sono indicativi, bisogna seguire un pò il nostro senso della misura.

Le verdure:

2 cespi Cicoria

3 cespi Broccolo di Natale

1 Verza

2 cespi Scarola

2 Bieta

300 gr. Borragine

 

Per la carne:

1 gambetto o un osso di prosciutto

300 g di costicine di maiale

3 salsicce fresche

300 gr di manzo per brodo

400 g di pollo

Odori: Carote, cipolla, sedano, peperoncino,

4 croste pulite di Parmigiano

ESECUZIONE

Lavate le varie qualità di carne e poneteli dividendoli per tipologia ognuna in una pentola con gli aromi, a cuocere.

Quando la carni saranno a 3/4 di cottura, tiratele fuori, fatele raffreddare e spezzettatele con le mani unendole insieme in un recipiente. Conservate sia il brodo di pollo facendolo raffredare per poi sgrassarlo, sia quello di manzo, mentre l’acqua di cottura del maiale potete eliminarla.

Intanto procedete con la cottura delle verdure, anche queste devono essere cotte separatamente,  dopo averle lavate tuffatele in acqua bollente leggermente salata, appena il bollore riprende,  toglietele dal fuoco e fatele ben sgocciolare in uno scolapasta premendole con un mestolo. Nella cottura  sia della carne che delle verdure, mettete poco sale perchè lo aggiungerete alla fine dopo aver unito tutti gli ingredienti.

A questo punto in una pentola molto capiente, mettetere 2/3 del brodo di manzo e 1/3 di quello pollo, sgrassato. Aggiungete la carne e le verdure e finite di cuocere  il tutto a pentola coperta, mescolando ogni tanto per amalgamare. Dopo una decina di minuti, quando la pentola sarà ben calda, aggiungete le croste di parmigiano o di grana debitamente raschiate e continuate la cottura per altri 15 minuti a fuoco lento. Regolate di sale  e servitela dopo averla fatta riposare sempre coperta per una decina di minuti.

 

Fatemi sapere se vi è piaciuta .

 

Oggi poco s’ausa p’a troppa ‘mbuttitura ca ‘nce vò, ma pe chi ‘a vò pruvà ‘a ricetta é chesta ccà.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: