Storia del Girolimino

Storia del Girolimino

Mi appassiona e quindi mi piace raccontarla,  la storia del liquore Girolimino,  distillato ultra centenario che  ho inserito nella ricetta della “Tarte al fondente con Girolimino”.

Il Girolimino prende il nome dai frati che lo inventarono. E’ infatti tradizione di ogni parte d’Italia che, nelle  segrete dei conventi  di ogni ordine religioso, venissero prodotte pozioni medicamentose  e bevande alcoliche, cura del corpo e dello spirito.

I frati Girolimini, di Piovene Rocchette ai piedi dell’Altopiano di Asiago, non si sottrassero a questa tradizione, anche perchè da quelle parti il goccetto serviva pure per riscaldarsi!

piovene rocchette-grappe-liquore alle erbe-girolimino

Nel  1892 durante dei  lavori di restauro del convento, fu rinvenuto  un breviario, dove all’interno trovarono custodita la ricetta scritta a mano di un liquore d’erbe.

Il Priore dei Girolimini di quell’epoca,  non essendo in grado con i suo frati di produrre il  liquore, lo affidò alle mani esperte di due farmacisti di Schio, che ne perfezionarono la ricetta.

Furono talmente entusiasti del risultato ottenuto che lo portarono a varie esposizioni internazionali  dell’epoca.

Il liquore ottenne molti riconoscimenti e medaglia d’oro  all’Expo mondiale di Parigi del 1900 e alla Mostra Internazionale di Roma e Venezia del 1902.

Girolimino-expo-premio-Parigi

Riproduzione della locandina originaria del 1900

Intorno agli anni trenta, la ricetta tornò in mano ai frati Girolimini che  continuarono la produzione fino al 1948 quando frate Francesco Gruba, cedette definitivamente la ricetta e la produzione al sig. Renato Zanella che ne continuerà la produzione fino al 1991.

Da qualche anno  la ricetta e la produzione del Girolomino è in mano alla famiglia Boschetto che si occupa da sempre di ristorazione presso il loro ristorante il ” Molin Vecio”, un luogo fiabesco ed incantato dove lo scorrere dell’acqua delle risorgive scandisce il tempo.  Sergio, il capo famiglia, da moltissimi anni, forse da sempre, si impegna nella ricerca e nella riscoperta delle tipicità del luogo. Nella sua cucina propone  piatti della tradizione, con frutti ed aromi dimenticati, ma non solo.

La sua passione combinata all’arte del maestro Galliano Rosset ha riportato alla luce  tradizioni ormai dimenticate, creando delle litografie a tema con storie e racconti storici di una volta che ancora oggi ci catturano e ci incantano, portandoci in luoghi e tempi dimenticati.

Girolimino-storia-molin vecio-Asiago luoghi del Girolimino-frati-conventi-

 

Queste scoperte mi emozionano e mi affascinano sempre  e mi piace condividerle, perchè sono convinta che ognuno di noi, per sapere dove  “andare”, non debba dimenticare mai  da dove è venuto!

Ah dimenticavo, il Girolimino lo potete sorseggiare tranquillamente  a casa vostra,  ma i luoghi che ho raccontato sono bellissimi da visitare, sono in provincia di Vicenza; il  Molin Vecio, si trova a Caldogno a 6 km da Vicenza e un pò  più a nord si trovano gli altri paesi citati. Buon Percorso nel gusto  allora !

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: